Aperta la procedura di presentazione delle domande per le Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) e Graduatorie di Istituto di I, II e III Fascia (GI) per il biennio 2024/2026.

Le domande sono disponibili online dal 20 maggio 2024 e devono essere presentate entro il 10 giugno 2024.

 

Requisiti e Fasce

Le GPS sono suddivise in tre fasce: la prima fascia è riservata ai soggetti che hanno conseguito il titolo di abilitazione entro il 30 giugno 2024; la seconda fascia è riservata ai soggetti che hanno conseguito il titolo di abilitazione entro il 30 giugno 2024, ma non hanno ancora conseguito il titolo di abilitazione.

Come presentare la domanda

Per presentare la domanda, è necessario essere in possesso delle credenziali del Sistema Pubblico di identità digitale (SPID) o della Carta di Identità Elettronica (CIE). È possibile accedere al servizio “Istanze on line” https://www.istruzione.it/polis/Istanzeonline.htm

GPS PRIMA FASCIA – ISCRIZIONE CON RISERVA

Entro il 30 giugno 2024 è possibile inserirsi con riserva nelle GPS di I fascia, posto comune e sostegno, chi consegue il titolo in Italia dopo la scadenza per la presentazione della domanda, ma non oltre tale data. Ad esempio, laureandi in Scienze della Formazione Primaria, iscritti ai nuovi percorsi abilitanti da 30 CFU/CFA, e specializzandi dell’VIII ciclo del TFA sostegno possono fare richiesta. Tuttavia, per essere inseriti definitivamente, è necessario conseguire il titolo entro il 30 giugno 2024. In caso contrario, si decade dalla I fascia.

ABILITAZIONE A SEGUITO DI CONCORSO

Chi ha superato tutte le prove di un concorso che consente di acquisire l’abilitazione, o che vuole inserire come titolo di accesso, può inserirsi con riserva nella GPS di I fascia posto comune. La graduatoria di merito sarà pubblicata dopo la scadenza della domanda, ma non oltre il 30 giugno. Tuttavia, se la graduatoria definitiva non viene pubblicata entro questa data, la riserva è sciolta negativamente. Ad esempio, partecipanti al concorso di Educazione motoria alla scuola primaria o docenti che hanno acquisito l’abilitazione dopo l’inserimento negli elenchi aggiuntivi possono fare richiesta. L’iscrizione in I fascia è permessa con riserva se la graduatoria definitiva non è pubblicata entro la scadenza della domanda, ma per essere inseriti definitivamente, la pubblicazione deve avvenire entro il 30 giugno 2024. In caso contrario, si decade dalla I fascia.

TITOLI ESTERI

Chi è già in possesso di un’abilitazione o specializzazione conseguita all’estero e attende il riconoscimento del titolo può iscriversi con riserva nelle GPS di I fascia, posto comune e sostegno. Se il titolo è stato conseguito all’estero ma non è ancora riconosciuto in Italia, è necessario dichiarare di aver presentato la domanda di riconoscimento all’Ufficio competente per poter essere iscritti con riserva di riconoscimento del titolo. Questo permette l’inserimento con riserva nelle GPS di I fascia, che rimane valida fino alla convalida o non convalida del titolo. Se il titolo non viene riconosciuto, anche durante l’anno scolastico, si decade dalla I fascia. È importante notare che l’inserimento con riservadiritto alla stipula di un contratto a tempo determinato, con una specifica clausola risolutiva nel caso di diniego del riconoscimento del titolo.

⚠️ ATTENZIONE

Chi si inserisce con riserva nella prima fascia dovrebbe considerare l’iscrizione a pieno titolo nella seconda fascia, se non già presente, qualora soddisfi i requisiti entro il termine di presentazione dell’istanza.

Ad esempio, chi possiede già una laurea valida per l’insegnamento e si iscrive entro il 30 giugno ai percorsi abilitanti può anche iscriversi a pieno titolo nelle GPS di seconda fascia per la scuola di I e/o II grado. Lo stesso vale per i laureandi in SFP in attesa del conseguimento della laurea/abilitazione, che possono iscriversi a pieno titolo nella seconda fascia GPS posto comune infanzia e/o primaria. Allo stesso modo, chi sta conseguendo il TFA sostegno e ha almeno 3 anni di servizio su sostegno senza titolo svolti tutti nello stesso grado, può iscriversi a pieno titolo nella seconda fascia GPS per i posti di sostegno per il relativo grado. Questo garantisce comunque l’inserimento nelle GPS nel caso in cui la riserva non sia sciolta entro i termini stabiliti dall’ordinanza. Quando la riserva si scioglierà positivamente entro i termini stabiliti, si verrà automaticamente collocati nella GPS di prima fascia e cancellati dalla GPS di seconda fascia.

GPS II FASCIA I E II GRADO-ACCESSO SENZA 24 CFU/CFA

Per i nuovi inserimenti nella II fascia di I e II grado, non sono più necessari i 24 CFU/CFA in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche, incluso per le classi di concorso per l’Insegnamento Tecnico-Pratico (ITP).

GPS II FASCIA INFANZIA-PRIMARIA-ACCESSO CON 150 CFU

Quest’anno, a differenza del biennio scorso, non vi è alcuna correlazione tra l’anno di iscrizione (terzo, quarto o quinto) e il numero dei CFU. Ciò che conta è essere iscritti almeno al terzo anno e possedere almeno 150 CFU entro il termine di presentazione dell’istanza.

GPS DI I FASCIA SCUOLA DI I E II GRADO PUNTEGGIO PER IL POSSESSO DELL’ABILITAZIONE

Nella GPS di prima fascia per la sola scuola di I e II grado (ad esclusione della prima fascia ITP), sono riconosciuti 24 punti in più per l’abilitazione conseguita attraverso:

  • La frequenza dei nuovi percorsi abilitanti da 30/36/60 CFU/CFA;
  • Il superamento di un concorso ordinario;
  • Il superamento del concorso straordinario n. 510/2020, congiuntamente al requisito del servizio.

Nota bene: Se il titolo è valido per più di una classe di concorso (ad esempio, classi di concorso accorpate ai sensi del DM 255/2023), il punteggio è attribuito per ciascuna di esse.

INTERPELLO SE LE GRADUATORIE SONO ESAURITE

Se le graduatorie di istituto sono esaurite, le scuole pubblicano specifici avvisi sul loro sito istituzionale per il reclutamento di docenti con l’abilitazione (per i posti di sostegno) o la specializzazione relativa all’insegnamento agli alunni disabili, o in alternativa, con il titolo di studio. Una copia degli avvisi viene anche inviata all’Ufficio scolastico territorialmente competente, che li pubblica sul proprio sito in una sezione dedicata.

È possibile partecipare all’interpello, sia per i posti comuni che per quelli di sostegno, anche se si è inseriti nelle GAE/GPS/GI, a meno che non si sia già ricevuto un incarico di supplenza al momento dell’interpello.

DOCENTI DI RUOLO

Il docente già di ruolo ha la possibilità di inserirsi nelle GPS di prima e/o seconda fascia e relative GI, ma solamente in un diverso ordine o grado d’istruzione, o per un’altra classe di concorso rispetto al ruolo di appartenenza, o per un’altra tipologia di posto (anche dello stesso ordine/grado di titolarità). Ad esempio, un docente titolare su posto comune può iscriversi nella GPS del sostegno dello stesso grado avendone i requisiti e viceversa.

  • No a spezzoni orari: Durante l’estate, il docente partecipante al conferimento delle supplenze non può indicare spezzoni orari, ma solo posti interi.
  • Docente assunto in ruolo dall’a.s. 2023/24: Può inserirsi nelle GPS/GI entro i termini stabiliti per la presentazione delle domande, ma può accettare un’eventuale supplenza solo dopo aver terminato positivamente l’anno di formazione e prova.
  • Docente assunto dalla GPS di I fascia sostegno con incarico finalizzato al ruolo dall’a.s. 2023/24: A partire dall’anno scolastico 2023/2024, i docenti destinatari di nomina a tempo determinato finalizzata al ruolo possono ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in un altro ruolo o classe di concorso o posto soltanto dopo tre anni scolastici di effettivo servizio nell’istituzione scolastica ove hanno svolto il percorso annuale di formazione e prova.

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

Viene riservato il 15% dei posti per coloro che hanno prestato servizio civile universale.

  • Il servizio civile universale è regolato dal Decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40. È volontario e svolto da persone tra i 18 e i 29 anni non compiuti. Questo servizio deve essere dichiarato nell’apposita sezione, allegando l’attestazione scaricabile dal sito del Dipartimento delle politiche giovanili.
  • Non va confuso con il servizio civile come alternativa alla leva obbligatoria, che fino al 2017 veniva svolto in sostituzione al servizio militare di leva o come servizio di volontariato, anche da giovani donne.

⚠️ATTENZIONE PER LA CLASSE DI CONCORSO A-55

Non è più richiesto il requisito dei 16 giorni per l’accesso in seconda fascia alla classe di concorso A-55.

REQUISITI 1ª FASCIA

POSTI COMUNI SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA
I posti comuni per la scuola dell’infanzia e per la scuola primaria sono suddivisi in due fasce:


a) la PRIMA FASCIA comprende:

  • i soggetti inseriti nel biennio 2022/24;
  • i nuovi soggetti in possesso del titolo di abilitazione specifico, ovvero:
    • Laurea in Scienze della Formazione Primaria – Vecchio ordinamento quadriennale o LM85bis Nuovo ordinamento corso di Laurea Magistrale a ciclo unico, conseguita entro il termine di presentazione dell’istanza.
    • Oppure Titolo di studio magistrale ottenuto entro l’anno scolastico 2001-2002:
  • al termine dei corsi triennali e quinquennali sperimentali della scuola magistrale;
  • al termine dei corsi quadriennali o quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale, iniziati entro l’anno scolastico 1997-1998, aventi valore di abilitazione incluso il titolo di diploma di sperimentazione ad indirizzo linguistico di cui alla Circolare Ministeriale 11 febbraio 1991, n. 27.

Per essere considerato come requisito di accesso, il diploma magistrale deve essere ottenuto entro l’a.s. 2001/2002. Il termine “diploma magistrale” include:

  • Il diploma magistrale, dichiarato abilitante con D.P.R. del 25 marzo 2014 (pubblicato in G.U. del 15 maggio 2014);
  • Il diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico e il diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso istituti magistrali;
  • Titoli di abilitazione simili ottenuti all’estero e riconosciuti in Italia secondo la normativa vigente, conseguiti entro l’a.s. 2001/2002.

Per la scuola dell’infanzia, costituiscono anche titolo di accesso:

  • Il diploma di abilitazione all’insegnamento nelle scuole di grado preparatorio (corso triennale di scuola secondaria di II grado), rilasciato da scuole magistrali legalmente riconosciute o paritarie, purché ottenuto entro l’a.s. 2001-2002. Gli ultimi titoli validi sono stati rilasciati entro l’a.s. 2001/2002, poiché gli istituti e le scuole magistrali hanno cessato completamente dall’anno scolastico successivo (ai sensi dell’art. 3 della legge 19/11/1990, n. 341, attuato con D.I. 17/03/1997).
  • Il diploma di professionale di “Tecnico dei servizi sociali” (già diploma di Assistente di comunità infantili), rilasciato da istituti scolastici legalmente riconosciuti o paritari a conclusione di un corso sperimentale progetto “Egeria” (sperimentazione avviata dal 1988/89, con D.M. 08 agosto 1988, come quinquennio innestato su scuole magistrali triennali). Anche in questo caso, il titolo è valido per l’insegnamento nelle scuole dell’infanzia, purché ottenuto entro l’a.s. 2001/2002.
  • Il diploma quadriennale di Istituto Magistrale, valido per svolgere la mansione di insegnante nelle scuole dell’infanzia e primaria, purché ottenuto entro l’a.s. 2001/2002.
  • Il diploma di Liceo ad indirizzo Pedagogico-Sociale, conseguito nell’ambito della sperimentazione di un quinquennio estensivo dell’Istituto Magistrale, avviata nel 1992/93 (C.M. n.27/91), valido purché ottenuto entro l’a.s. 2001/2002.


b) la SECONDA FASCIA comprende:

  • Dai soggetti inseriti nel biennio 2022/24;
  • Dagli studenti iscritti, anche fuori corso, al terzo anno del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria o ad annualità successive nell’anno accademico 2023/2024, purché abbiano conseguito almeno 150 CFU entro il termine di presentazione dell’istanza.

Quest’anno, a differenza del biennio precedente, non esiste una correlazione tra l’anno di iscrizione (terzo, quarto o quinto) e il numero dei CFU. L’elemento cruciale è essere iscritti almeno al terzo anno e possedere almeno 150 CFU entro il termine di presentazione dell’istanza.

SCUOLA DI I E II GRADO

Le graduatorie di istituto (GPS) relative ai posti comuni per la scuola secondaria di primo e secondo grado, distinte per classi di concorso, sono suddivise in fasce così determinate:

a) La PRIMA FASCIA è composta

  • Dai candidati ammessi nel periodo 2022-2024;
  • dai nuovi candidati che possiedono il titolo di abilitazione specifico per le classi di concorso richieste, ottenuto entro la scadenza di presentazione dell’istanza.

In seguito all’accorpamento previsto dal DM 255/2023, il possesso dell’abilitazione per una o entrambe le classi di concorso comporta automaticamente l’abilitazione per la nuova classe di concorso risultante. Questo consente l’inserimento nelle rispettive Graduatorie Permanenti Sussidiarie delle classi di concorso accorpate. Di seguito sono elencati gli accorpamenti specificati dal decreto:

  • A-01 e A-17: Arte e Disegno con Storia dell’arte diventano A-01 Disegno e Storia dell’arte nell’istruzione secondaria di I e II grado.
  • A-12 e A-22: Discipline letterarie con Italiano, Storia e Geografia diventano A-12 Discipline letterarie nell’istruzione secondaria di I e II grado.
  • A-24 e A-25: Lingue e culture straniere con Inglese o seconda lingua comunitaria diventano A-22 Lingue e culture straniere nell’istruzione secondaria di I e II grado.
  • A-29 e A-30: Musica nei diversi gradi di istruzione secondaria diventa A-30 Musica nell’istruzione secondaria di I e II grado.
  • A-48 e A-49: Scienze motorie e sportive diventano A-048 Scienze motorie e sportive nell’istruzione secondaria di I e II grado.
  • A070 e A072 diventano A-70 Italiano negli istituti di istruzione secondaria di I e II grado con lingua di insegnamento slovena o bilingui del Friuli Venezia Giulia.
  • A-7 e A-3 diventano A-71 Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di I e II grado con lingua di insegnamento slovena o bilingui del Friuli Venezia Giulia.

Nota bene: Nella procedura online, le classi di concorso soggette all’accorpamento sono ancora divise come nel biennio precedente e sono identificate con i vecchi codici (es. A29 e A30).

b) La SECONDA FASCIA è composta:

  1. Soggetti inseriti nel biennio 2022/24.
  2. Nuovi soggetti che possiedono uno dei seguenti requisiti entro il termine di presentazione dell’istanza:
  • Per le classi di concorso elencate nella tabella A dell’Ordinamento delle classi di concorso (laureati di I e II grado), è richiesto il possesso del titolo di studio, comprendente CFU/CFA o esami aggiuntivi e eventuali titoli previsti dalla normativa vigente per la specifica classe di concorso.
  • Per le classi di concorso elencate nella tabella B dell’Ordinamento delle classi di concorso (ITP), è necessario avere il titolo di studio (diploma di II grado) e eventuali titoli aggiuntivi previsti dalla normativa vigente per la specifica classe di concorso.
  • Non sono più necessari i 24 CFU/CFA in discipline psicopedagogiche e metodologie didattiche, inclusi per le classi di concorso per ITP.
  • Il titolo di accesso deve essere ottenuto entro il termine stabilito per la presentazione dell’istanza, senza possibilità di inserimenti con riserva, e deve comprendere tutti gli esami/crediti richiesti, oltre a eventuali titoli aggiuntivi previsti dalla normativa vigente per la specifica classe di concorso.
  • Per verificare i requisiti specifici di ogni classe di concorso, consultare la seguente normativa:
    • Per titoli di studio conseguiti fino al 22 febbraio 2016: DM 39/98 e DM 22/05.
    • Per titoli di studio conseguiti dal 23 febbraio 2016 al 10 febbraio 2024: DPR 19/2016 e DM 259/2017.
    • Per titoli conseguiti dall’11 febbraio 2024 (o per chi ha un titolo anteriore ma non i CFU/CFA completi): DM n. 255 del 22 dicembre 2024.
  • Per le classi di concorso A26 e A28: DM del 20 novembre 2023, in vigore dal 16 gennaio 2024, che ha integrato i requisiti di accesso. Tuttavia, fino alla data di entrata in vigore della modifica, i titoli di accesso validi per A26 e A28 sono quelli previsti dal DM 39/98 e DM 22/05 o dal DPR 19/2016 e DM 259/2017.
  • Per le classi di concorso ad esaurimento o non più presenti negli ordinamenti didattici, gli aspiranti già presenti nelle GPS delle classi di concorso indicate per il biennio 2022/2023-2023/2024 possono richiedere l’aggiornamento-trasferimento. Gli aspiranti con abilitazione per le classi di concorso A-66, A-76, A-86 possono richiedere l’inserimento nella prima fascia delle GPS delle classi di concorso A-41, con riconoscimento del servizio prestato. Gli aspiranti con titoli di abilitazione o già inseriti nelle GPS di seconda fascia per le classi di concorso B-01, B-31 e B-32, possono fare domanda di inserimento nella seconda fascia delle GPS sostegno o nelle GPS di prima fascia per il sostegno, a seconda dei titoli posseduti.

PERSONALE EDUCATIVO

Le GPS relative ai posti di personale educativo nelle istituzioni educative sono suddivise in due fasce:

a) PRIMA FASCIA: comprende soggetti inseriti nel biennio 2022/24 o nuovi soggetti in possesso del titolo di abilitazione ottenuto tramite superamento delle procedure concorsuali, anche per fini abilitativi relativi ai posti di personale educativo nelle istituzioni educative.

b) SECONDA FASCIA: costituita da soggetti che soddisfano uno dei seguenti requisiti:

  • Precedente inserimento nella stessa fascia per il personale educativo nelle istituzioni educative;
  • Possesso dell’abilitazione per la scuola primaria entro il termine di presentazione della domanda;
  • Diploma di laurea in pedagogia, scienze dell’educazione, laurea specialistica in scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua LS 65, laurea specialistica in scienze pedagogiche LS 87, laurea magistrale in scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua LM 57, laurea magistrale in scienze pedagogiche LM-85 entro il termine di presentazione della domanda;
  • Laurea in scienze dell’educazione L-19 entro il termine di presentazione della domanda.

POSTI DI SOSTEGNO

Le GPS relative ai posti di sostegno, suddivise per i vari gradi di istruzione della scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado, sono organizzate in due fasce:

a) PRIMA FASCIA:

  • Comprende soggetti inseriti nel biennio 2022/24.
  • Include soggetti in possesso dello specifico titolo di specializzazione sul sostegno nel relativo grado, ottenuto entro il termine di presentazione dell’istanza.

b) SECONDA FASCIA:

  • Costituita da soggetti inseriti nel biennio 2022/24.
  • Includa soggetti privi del relativo titolo di specializzazione, ma che hanno maturato tre annualità di insegnamento su posto di sostegno nel relativo grado entro il termine di presentazione dell’istanza.
  • Devono essere in possesso, entro il termine di presentazione dell’istanza, dei seguenti requisiti:
    • Per la scuola dell’infanzia e primaria: del relativo titolo di abilitazione o del titolo di accesso alle GPS di seconda fascia del relativo grado.
    • Per la scuola secondaria di primo e secondo grado: dell’abilitazione o del titolo di accesso alle GPS di seconda fascia del relativo grado.
  • Servizi svolti nello stesso grado: È richiesto che tutti e tre gli anni di servizio siano stati prestati nello stesso grado; non è consentito sommare annualità di diverso grado.
  • Definizione di “annualità“: Si intende un servizio di almeno 180 giorni consecutivi o ininterrotto dal 1° febbraio fino al termine degli scrutini.
  • Valutazione dell’anno scolastico in corso: È considerato valido come terza annualità purché, entro il termine di scadenza dell’istanza, si sia accumulato un servizio, anche non continuativo, di almeno 180 giorni.

Nota bene: Non sono conteggiati i giorni di servizio successivi alla data di scadenza della domanda. Non è consentito quindi includere con “riserva” il periodo tra la data di scadenza della domanda e la fine del contratto al fine di raggiungere i 180 giorni nell’anno scolastico 2023/24 se non ancora maturati.

COME SARANNO COSTITUITE LE GI PER IL 2024-2026

Le graduatorie di istituto sono strutturate in tre fasce secondo il seguente schema:

  • La PRIMA FASCIA è composta dagli aspiranti iscritti nella Graduatoria a Esaurimento (GAE) che hanno presentato il modello di scelta delle sedi entro il 13 maggio 2024.
  • La SECONDA FASCIA è costituita dagli aspiranti iscritti nella GPS di prima fascia che presentano il modello di scelta delle sedi per ciascuna graduatoria della suddetta fascia contemporaneamente alla domanda di inserimento nelle GPS.
  • La TERZA FASCIA è costituita dagli aspiranti iscritti nella GPS di seconda fascia che presentano il modello di scelta delle sedi per ciascuna graduatoria della suddetta fascia contemporaneamente alla domanda di inserimento nelle GPS.

L’inclusione nelle graduatorie di istituto di seconda e terza fascia avviene per tutti gli aspiranti che ne hanno diritto, in relazione alle istituzioni scolastiche indicate nel modello di scelta delle sedi.

Per gli aspiranti inclusi nelle graduatorie di istituto di prima, seconda e terza fascia, i punteggi, le posizioni e le eventuali precedenze sono determinati esclusivamente sui dati forniti tramite le apposite procedure informatizzate relative alle GAE e alle GPS.

Gli aspiranti che richiedono l’iscrizione nelle GPS, per la costituzione delle graduatorie di istituto per la copertura delle supplenze, indicano fino a venti istituzioni scolastiche per ciascuno dei posti o classi di concorso per cui sono idonei.

Le istituzioni scolastiche selezionate per l’inclusione nella prima, seconda e terza fascia delle graduatorie di istituto devono essere situate nella stessa provincia indicata per l’iscrizione nelle GPS.

Gli aspiranti a supplenze nelle scuole dell’infanzia e primaria possono indicare fino a due circoli didattici e cinque istituti comprensivi in cui dichiarano la loro disponibilità ad accettare supplenze brevi fino a dieci giorni, con modalità di interpello e presa di servizio rapide e specifiche.

COSE DA RICORDARE

La procedura di inserimento/aggiornamento è basata su un principio di “autodichiarazione“. Gli aspiranti dichiarano nella domanda tutti i servizi e/o i titoli posseduti di cui chiedono la valutazione, senza dover produrre alcuna certificazione. Tuttavia, sono richieste certificazioni per i seguenti casi:

  • Titoli di studio conseguiti all’estero.
  • Dichiarazione di valore del titolo di studio conseguito all’estero per l’insegnamento di conversazione in lingua straniera.
  • Servizi di insegnamento prestati nei Paesi dell’Unione Europea o in altri Paesi.

Gli aspiranti già inclusi nelle graduatorie provinciali per il biennio 2022/2023-2023/2024, che non presentino domanda di aggiornamento-trasferimento, mantengono il punteggio con cui figuravano nelle relative graduatorie del precedente periodo. Le situazioni soggette a scadenza, come i titoli di preferenza/precedenza, devono essere riconfermate, anche se si richiede solo la permanenza.

Per gli aspiranti iscritti nelle GPS, devono essere nuovamente dichiarati i titoli di preferenza e gli eventuali titoli di riserva posseduti. La funzione “aggiornamento” consente l’attualizzazione della graduatoria al nuovo biennio mantenendo tutti i titoli a suo tempo presentati, ma potranno essere dichiarati e valutati soltanto i nuovi titoli.

I soggetti inseriti a pieno titolo nelle Graduatorie a Esaurimento (GAE) possono presentare domanda sia nella prima fascia delle graduatorie di istituto sia nelle GPS di prima e seconda fascia. Tuttavia, esiste una restrizione sulla scelta delle scuole: se la provincia di inserimento delle GPS è diversa da quella della GAE, le GPS e le relative graduatorie di istituto devono comunque essere nella stessa provincia della GAE.

COSA PUÒ/NON PUÒ FARE CHI È INSERITO NELLE GPS DEL BIENNIO PRECEDENTE

Può:

  • Trasferirsi in un’altra provincia, anche senza aggiornare titoli, servizi o preferenze-riserve.
  • Aggiornare i titoli e i servizi posseduti, inclusi quelli ottenuti dopo il 31 maggio 2022, purché entro la scadenza per la presentazione delle domande.
  • Cancellare una classe di concorso o tipologia di posto inserita nel biennio precedente.
  • Inserire nuove preferenze/riserve rispetto al biennio precedente.
  • Inserire nuove classi di concorso/tipologie di posto e relative scuole per le graduatorie di istituto.
  • Aggiungere, modificare o cancellare scuole per le graduatorie di istituto in cui è già incluso.
  • Sostituire un titolo di accesso con uno più vantaggioso.

Non può:

  • Modificare o cancellare titoli e/o servizi già inseriti per correggere eventuali errori, tranne il titolo di accesso.
  • Non presentare domanda di aggiornamento-trasferimento, mantenendo il punteggio e i titoli a suo tempo presentati, ma deve confermare eventuali titoli di preferenza/riserva soggetti a scadenza, anche senza aggiornamenti.

COSA PUÒ FARE CHI SI INSERISCE NELLE GPS PER LA PRIMA VOLTA

  • Può candidarsi per più classi di concorso e tipologie di posto in cui è qualificato, incluso più classi/tipologie e fasce.
  • Ha la possibilità di inserirsi in una sola provincia.
  • Può includere tutto il servizio e i titoli posseduti, acquisiti entro la scadenza per la presentazione della domanda.
  • Deve prestare attenzione a non inserire periodi con “riserva” per acquisire punteggio aggiuntivo per l’a.s. 2023/24, come era consentito in passato.
  • Per ciascuna classe di concorso/tipologia di posto, può selezionare da 1 a 20 scuole per le graduatorie di istituto di seconda e/o terza fascia. Ad esempio, fino a 20 scuole per la A22, A13 e posto di sostegno.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.