Riforme Valditara

 

Riforme Valditara. I lavori della Camera dei deputati vanno a rilento. Risultato: slitteranno!

Riforme Valditara. Probabilmente slitteranno

Riforme Valditara. Il tentativo del Ministro è innegabile. Non fa passare un giorno senza un’intervista, una dichiarazione o un  intervento in qualche convegno sui provvedimenti presentati al Parlamento o su altre “nuove idee” (tetto limite alla presenza degli stranieri in classe). Gli va riconosciuto l’impegno a mantenere accesi i fari massmediatici sulla scuola. Indubbiamente è un Ministro presenzialista. I criteri che orientano le sue scelte sono ordine, discipplina e sanzioni coerenti con il credo della Destra.
Purtroppo la sua “velocità” deve fare i conti con i tempi del Parlamento che non sempre risultano rapidi. E’ il caso di due provvendimenti che anche il prossimo anno rischiano di non vedere la luce. Il riferimento è alle  “bandierine identitarie” come il voto di condotta e l’inasprimento delle sanzioni contro chi usa violenza sui docenti. La conferma proviene dal sempre aggiornato e “profondo” quotidiano economico ItaliaOggi che ogni martedì propone l’inserto “Azienda scuola”. L’articolo a firma di Angela Iuliano “Voto di condotta? Rimandato” scevro di commenti personali presenta il probabile scenario del prossimo anno. Immaginiamo la reazione del Ministro. Si rimane però scettici che i provvedimenti possano risolvere le criticità alle quali fanno riferimento.

Autore

Un pensiero su “Riforme Valditara. Alto il rischio di un loro slittamento”
  1. Valutasse anche le quote blu per gli insegnanti uomini , che vengono schiacciati dall’eccessiva presenza di donne nel mondo della scuola nelle graduatorie. Ci sono troppe insegnanti Donne, i ns figli stanno crescendo deboli e insicuri, rimanendo anni e anni dietro docenti che facilmente diventano isteriche , perennemente scocciate e disturbate. E’ necessario ripristinare un corretto equilibrio formando gli alunni con caratteri maschili . Non è possibile che su 10 insegnanti 9 siano donne. Il ministero deve intervenire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.