A conclusione del piano straordinario di vigilanza contro il fenomeno dei diplomifici, il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara revoca la parità scolastica a 47 istituti,   in Campania,  nel Lazio e in Sicilia.
Sono emerse, infatti situazioni  in cui il personale docente era privo di abilitazione e persino del titolo di accesso per l’insegnamento delle discipline, in cui spicca la mancanza  delle aziende agrarie nel percorso di studio ad indirizzo tecnico agrario, l’inesistenza delle  cucine e delle derrate alimentari nei percorsi enogastronomici, fino ad arrivare ad una palese insufficienza di aule o di arredi in relazione agli studenti iscritti. Molti istituti inoltre, non avevano ancora adottato il registro elettronico e presentavano consistenti lacune e informazioni contraddittorie nella tenuta dei registri cartacei.
Con questa azione, unitamente alle importanti novità del Decreto Semplificazioni, già approvato in Consiglio dei Ministri e in esame alle Camere,  il Ministero dell’Istruzione e del Merito intende rafforzare il controllo sulle scuole paritarie e garantire che tutte le istituzioni scolastiche mantengano elevati standard di qualità e legalità. Valditara ha concluso sottolineando che il rispetto delle regole è fondamentale per assicurare un sistema educativo equo e trasparente. Che offra a tutti gli studenti le stesse opportunità di successo.
Il titolare di Viale Trastevere,  nel commentare il provvedimento di revoca,  sottolinea “Ribadiamo il nostro impegno costante per garantire standard di qualità a tutti gli studenti, che frequentino scuole statali o paritarie.”

 

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.