Un emendamento al decreto “coesione”, approvato nel Consiglio dei Ministri del 30 aprile 2024, ha portato importanti novità per i collaboratori scolastici assunti con contratti PNRR e Agenda Sud. La disposizione anticipa la decorrenza giuridica al 16 aprile 2024, garantendo la continuità del servizio ai fini dell’aggiornamento delle graduatorie.

 

Secondo quanto riportato da fonti di stampa specializzata e confermato dai senatori Roberto Marti e Carmela Bucalo, l’emendamento è stato approvato in commissione Bilancio al Senato. Il senatore Marti ha spiegato: “Appena approvato, in commissione Bilancio al Senato, l’emendamento #Lega a mia prima firma, con il quale si anticipa la decorrenza giuridica del provvedimento entrato in vigore l’8 maggio, con cui abbiamo prorogato fino al 15 giugno gli incarichi temporanei del personale amministrativo, tecnico e ausiliario.

L’emendamento assicura che il periodo di “vacanza contrattuale” tra il 16 aprile 2024 e la data di effettiva riassunzione in servizio non interrompa la continuità lavorativa, fondamentale per l’aggiornamento delle graduatorie. Tuttavia, questa misura ha generato alcune complessità tecniche che necessitano di chiarimenti immediati per evitare ricorsi e interpretazioni errate.

Richieste del Comitato Evoluzione ATA

Il comitato spontaneo Evoluzione ATA, rappresentante dei lavoratori del personale ATA del Ministero dell’Istruzione e del Merito, ha avanzato una serie di richieste per correggere le problematiche emerse:

  1. Riapertura dei Termini: È richiesta la riapertura dei termini per la presentazione delle domande di prima fascia, permettendo così l’inclusione del servizio nel periodo di vacanza contrattuale necessario per raggiungere i 24 mesi di servizio. Molti lavoratori, infatti, non hanno potuto presentare istanza per un solo giorno di mancato servizio.
  2. Inserimento del Servizio in Terza Fascia: Si chiede di consentire agli aspiranti di inserire il servizio del periodo di vacanza contrattuale nelle domande di terza fascia, utilizzando la funzionalità presente nella piattaforma per l’aggiunta manuale di servizi non registrati nel sistema.
  3. Chiarimenti sul Riconoscimento Giuridico: Sono necessari chiarimenti su come utilizzare il riconoscimento giuridico del servizio se, nel frattempo, i candidati hanno assunto supplenze brevi o incarichi nel settore privato.

Il comitato sottolinea l’urgenza di un intervento tecnico-normativo per permettere ai candidati di apportare le modifiche necessarie alle domande già inoltrate o da inoltrarsi. Con la scadenza delle domande di terza fascia fissata al 28 giugno 2024, è essenziale che la politica agisca rapidamente per correggere una situazione causata dall’approvazione dell’emendamento stesso.

Il comitato Evoluzione ATA spera in una pronta risposta delle autorità competenti per risolvere le problematiche emerse e garantire la continuità e l’equità nelle graduatorie del personale ATA.

Autore

2 pensiero su “Emendamento al Decreto Coesione: Richiesta di riapertura dei termini per le domande ATA”

I commenti sono chiusi.