Oggi ricorre il quindicesimo anniversario della strage ferroviaria di Viareggio, una tragedia che ha segnato profondamente la città e l’intera nazione. La notte del 29 giugno 2009, un carro merci contenente GPL deragliò nei pressi della stazione ferroviaria, provocando un incendio devastante che causò la morte di trentadue persone innocenti.

In occasione di questo triste anniversario, il Coordinamento Nazionale di Docenti della disciplina dei Diritti Umani (CNDDU) intende ricordare le vittime e sottolineare l’importanza della sicurezza per la collettività.

 

Le Vittime

La strage colpì duramente molte famiglie, strappando alla vita persone di tutte le età, tra cui molti giovanissimi. Ecco i nomi delle vittime:

  • Aziza Aboutalib (46)
  • Hamza Ayad (17)
  • Iman Ayad (3)
  • Mohammed Ayad (51)
  • Federico Battistini (32)
  • Nadia Bernacchi (59)
  • Claudio Bonuccelli (60)
  • Abdellatif Boumalhaf (34)
  • Nouredine Boumalhaf (29)
  • Roberta Calzoni (54)
  • Rosario Campo (42)
  • Maria Luisa Carmazzi (49)
  • Magdalena Cruz Ruiz Oliva (40)
  • Andrea Falorni (50)
  • Alessandro Farnocchia (45)
  • Antonio Farnocchia (51)
  • Marina Galano (45)
  • Ana Habic (42)
  • Elena Iacopini (32)
  • Mauro Iacopini (60)
  • Stefania Maccioni (40)
  • Ilaria Mazzoni (36)
  • Michela Mazzoni (33)
  • Emanuela Menichetti (21)
  • Emanuela Milazzo (63)
  • Angela Monelli (69)
  • Rachid Moussafar (25)
  • Sara Orsi (24)
  • Lorenzo Piagentini (2)
  • Luca Piagentini (5)
  • Mario Pucci (90)
  • Elisabeth Silva (36)

Le Parole del Presidente

Il CNDDU si unisce alle parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha ricordato l’importanza della sicurezza come diritto primario di cittadini e utenti. “La sicurezza è un presupposto irrinunciabile, oltre a essere un diritto primario di cittadini e utenti”, ha dichiarato il Presidente, ribadendo un concetto che deve essere sempre al centro delle politiche pubbliche.

Un Monito per il Futuro

Il CNDDU, oltre a esprimere solidarietà e vicinanza alla comunità di Viareggio e ai familiari delle vittime, sottolinea la necessità di trasformare questa tragedia in un tema di discussione nelle scuole. È fondamentale che il valore della sicurezza diventi prioritario per tutti e che venga instillato come un’attitudine strutturale nei giovani.

L’Importanza della Memoria

Ricordare le vittime della strage di Viareggio non è solo un dovere morale, ma anche un modo per mantenere viva la consapevolezza dell’importanza della sicurezza. Solo attraverso la memoria e l’educazione si possono evitare tragedie simili in futuro.

Il XV anniversario della strage ferroviaria di Viareggio rappresenta dunque un momento di riflessione collettiva. Le istituzioni, le scuole e la società tutta sono chiamate a non dimenticare e a impegnarsi affinché tragedie come quella di Viareggio non si ripetano mai più.

Autore