Mirko De Carli, consigliere nazionale del Popolo della Famiglia, ha criticato duramente il piano asili presentato dal Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara. La decisione di chiudere asili nelle comunità montane ed interne viene vista come un grave disservizio per le famiglie di questi territori.

 

Un Segnale di Discontinuità Tradito

De Carli ha sottolineato che la chiusura degli asili rappresenta un tradimento delle promesse di cambiamento del governo. “Si tratta di disservizi che obbligano le famiglie o a pesanti trasferte per accompagnare i propri figli in altre strutture oppure addirittura al trasferimento in città, abbandonando così i borghi montani,” ha dichiarato. Un esempio recente è quello di Cesena, in Romagna, dove l’asilo di Balze di Verghereto, un rinomato borgo collinare, è stato chiuso, causando notevoli disagi per le famiglie locali.

Le Famiglie: I Nuovi Invisibili

Secondo De Carli, le famiglie dei borghi montani sono diventate i nuovi invisibili per le amministrazioni e i governi. “Fa ridere che a contestare in Parlamento il provvedimento di Valditara siano due esponenti del Partito Democratico, lo stesso partito che in Emilia Romagna, nonostante le numerose promesse, si è sempre disinteressato delle comunità montane,” ha aggiunto, citando la posizione del Partito Democratico, con Ilenia Malavasi e Irene Manzi, le quali hanno espresso forti critiche nei confronti del Ministro Valditara. De Carli evidenzia per esempio il doppiopesismo usato sulla questione dei punti nascita come esempio delle mancanze del governo regionale di cui il Pd è capo in testa.

La Richiesta di un Nuovo Approccio

Il Popolo della Famiglia chiede al Ministro Valditara di rivedere la sua decisione e adottare un approccio che valorizzi le famiglie e le comunità montane. “Occorre un nuovo approccio che possa valorizzare queste famiglie e queste comunità, che come tutti i cittadini, pagano le tasse per avere in cambio servizi da parte dei comuni,” ha detto De Carli.

L’Importanza di Servizi Educativi e Istruzione

Per De Carli, l’educazione e l’istruzione sono servizi indispensabili non solo per i bambini, ma anche per i genitori. “Invitiamo il Ministro Valditara a riflettere su quanto deciso finora e a fare un ragionamento più ampio su come affrontare la questione degli asili in questi territori. Perché oltre ai freddi numeri, l’educazione e l’istruzione sono servizi indispensabili per bambini e genitori.

Il Popolo della Famiglia auspica che il governo possa riconsiderare la chiusura degli asili nelle comunità montane e avviare un nuovo percorso all’insegna del buon senso, riconoscendo il valore e le esigenze delle famiglie che abitano in queste aree.

Autore