Noi socialisti esprimiamo soddisfazione per la proroga dei contratti COVID fino al 15 giugno, lo chiedevamo da tempo. Una proroga necessaria ma certamente non sufficiente.

Il contratto dei lavoratori della scuola è scaduto da 40 mesi, 40 mesi in cui il costo della vita è cresciuto lasciando al palo i salari del personale scolastico. Mesi che hanno visto succedersi al governo del Paese tutti gli schieramenti politici, nessuno evidentemente ha dimostrato di avere interesse per quanto accade nelle nostre scuole. Le scuole che hanno reagito prontamente alla tragedia del Coronavirus, le scuole che hanno contribuito ad arginare la pandemia grazie alle misure prese dagli Istituti scolastici. Il PSI scuola chiede che il Parlamento ed il Governo agiscano subito. E’ importante che venga convocato immediatamente il tavolo per la contrattazione. E’ importante che vengano prese misure a sostegno delle famiglie dei nostri studenti, ad esempio investendo risorse a favore della gratuità dei libri di testo. Così in una nota Enzo Maraio, Segretario nazionale PSI  e Luca Fantò, Referente nazionale PSI scuola, università e ricerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *