Il testo della Legge di Bilancio per il 2024 ha rivelato una serie di importanti disposizioni a favore del settore scolastico.

 

Di seguito sono riportati i principali cambiamenti e incentivi.

1. Sgravio Contributivo per i Dipendenti Pubblici:
La legge prevede un esonero dalla quota dei contributi previdenziali per i dipendenti pubblici nel periodo dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024. Gli sgravi variano da 6 a 7 punti percentuali a seconda della retribuzione imponibile.

2. Potenziamento del Fondo per la Contrattazione Collettiva:
Il Fondo per la contrattazione collettiva nazionale del pubblico impiego è incrementato di 3 miliardi di euro, portando l’importo complessivo a 5 miliardi di euro a regime, con un aumento del 5,78%.

3. Indennità di Vacanza Contrattuale (IVC):
L’IVC è incrementata di un importo pari a 6,7 volte il suo valore annuale a partire dal 2024. Un’anticipazione è stata già erogata a dicembre 2023 al personale con contratto a tempo indeterminato.

4. Proroga APE Sociale e Quota 103 per le Pensioni:
La possibilità di accedere all’APE Sociale è prorogata fino al 31 dicembre 2024, con requisiti specifici. La Quota 103 è estesa di un anno, con determinati requisiti e limiti di assegno.

5. Incentivi all’Innovazione Digitale nelle Scuole:
A partire dall’anno scolastico 2024/2025, istituzioni scolastiche riceveranno un contributo fino al 90% per l’acquisto di abbonamenti a pubblicazioni digitali, promuovendo l’innovazione digitale.

6. Proroga Contratti per Collaboratori Scolastici nell’ambito di PNRR e Agenda Sud:
I contratti per gli incarichi temporanei dei collaboratori scolastici nell’ambito di PNRR e Agenda Sud sono prorogati fino al 15 aprile 2024.

7. Finanziamento Aggiuntivo per l’Agenda Sud:
Ulteriori 40 milioni di euro sono autorizzati per l’anno 2025, destinati a istituzioni scolastiche nelle regioni meridionali per ridurre divari territoriali e contrastare la dispersione scolastica.

8. Incremento del Fondo per i Docenti Tutor e Orientatori:
Il fondo per valorizzare i docenti coinvolti in attività di tutoraggio e orientamento è incrementato di 42 milioni di euro per gli anni 2024 e 2025.

9. Piano Nazionale di Formazione:
Una spesa di 39,4 milioni di euro annui per il 2024 e 2025 è autorizzata per il Piano Nazionale di Formazione del personale docente e ATA.

10. Congedo Parentale: Elevazione dell’Indennità per una Seconda Mensilità:
L’indennità del congedo parentale è elevata dal 30% all’80% per il 2024 e dal 30% al 60% dal 2025 per la seconda mensilità, con specifiche modalità di fruizione.

11. Incremento del Fondo per i Dirigenti Scolastici:
Il fondo unico nazionale per la retribuzione dei dirigenti scolastici è incrementato di 700.000 euro per il 2024 e di 3.000.000 di euro annui dal 2025, destinato alla retribuzione di posizione di parte variabile.

In sintesi, la Legge di Bilancio 2024 punta a sostenere e potenziare il settore scolastico attraverso una serie di misure che coprono svariati aspetti, dalla previdenza sociale all’innovazione digitale e al potenziamento del personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *